Pizza con lievito madre e farina di teff avorio

Lo sappiamo tutti, realizzare una pizza soddisfacente senza glutine e senza l’utilizzo di mix dietoterapeutici non è certo la cosa più semplice, se poi aggiungiamo la difficoltà data dall’utilizzo del lievito madre potrebbe scoraggiarci la situazione. Questo per un certo periodo è capitato anche a me, ma da buona testa dura ho continuato a provare e riprovare fino a quando sono riuscita ad ottenere il risultato che finalmente mi ha fatto dire “finalmente ci sono riuscita!” (anche se in realtà la prima parola è stata una parolaccia che ci stava tutta dopo una serie di tentativi falliti).

La pizza che ho preparato oggi prevede l’utilizzo del lievito madre come agente lievitante, mentre tra gli ingredienti ho scelto di utilizzare farina di riso, teff avorio, amido di frumento deglutinato, fecola di patate e guar come elasticizzante.

pizzaa3

Ingredienti:

150gr. di farina di riso *
50gr. di farina di teff avorio *
60gr. di amido di frumento deglutinato *
40gr. di fecola di patate *
4gr. di guar *
60gr. di lievito madre
250ml. di acqua
20gr. di olio d’oliva
10gr. di sale
5gr. di zucchero
Passata di pomodoro q.b.
Origano q.b.
Mozzarella q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.

Gli alimenti contrassegnati con * per essere idonei al consumo da parte di un soggetto celiaco devono riportare sulla confezione o la dicitura “senza glutine”, o il marchio della spiga barrata oppure essere inseriti nel prontuario degli alimenti AIC.

pizzaa5

Procedimento:

Prima di tutto ho versato in una terrina la farina di riso, quella di teff avorio, l’amido di frumento deglutinato, la fecola di patate ed il guar ed ho mescolato in modo da ottenere un mix omogeneo dove non sono più distinguibili alla vista le diverse farine.

Fatto questo ho aggiunto circa metà dell’acqua necessaria con l’aggiunta dello zucchero ed ho iniziato ad impastare le farine, ho aggiunto poi il lievito madre e la restante acqua continuando a lavorare il tutto. Tenete presente che talvolta potrebbe richiedere più o meno acqua a seconda della temperatura del giorno e dell’umidità dell’aria.

Quando l’impasto si sarà quasi formato potremo aggiungere l’olio d’oliva lavorando il tutto fino a che lo stesso venga assorbito dalla pasta della pizza. In ultimo ho aggiunto il sale, ho amalgamato il tutto ed ho lasciato riposare in una terrina coperta con uno strofinaccio. Ho posizionato il tutto nel forno spento per evitare correnti d’aria e sbalzi di calore ed ho lasciato lievitare per 7 ore.

Trascorso il tempo previsto ho nuovamente lavorato l’impasto, ho oleato leggermente una teglia da forno e l’ho steso livellandolo con l’aiuto dei polpastrelli fino a ricoprire l’intera teglia, ma lasciando dal bordo della stessa circa un centimetro. Ho poi inumidito la superficie della pasta della pizza accarezzandola con le mani bagnate ed ho poi posto la teglia nel forno spento a riposare per circa un’ora e mezza.

Nel frattempo ho preparato il pomodoro mescolandolo con olio extravergine d’oliva, origano e sale da stendere sopra l’impasto prima di infornarlo a 230°C per circa 15 minuti.

Passato questo tempo la prima parte della cottura sarà avvenuta, potremo quindi farcire la nostra pizza aggiungendo mozzarella e condimenti vari ed infornarla nuovamente per altri 10 minuti.

Potrebbero interessarti anche...

2 Comments

  1. Leti - Senza è buono 4 Ott 2016 at 9:33

    Ma che meraviglia questa pizza! è perfetta <3 ma quanto sei brava?! Un abbraccio, Leti

    1. Monica Cazzaniga 4 Ott 2016 at 11:54

      Grazie. .ma sei tu che sei bravissima! Coi dolci poi…fantastica!

Leave a Reply