Marco D’Oggiono Prosciutti, eccellenza lombarda

Quando entri nell’azienda Marco D’Oggiono Prosciutti sei accolto da un profumo eccezionale che trasmette l’idea di buon cibo, sano e preparato con l’amore di chi ogni giorno si sveglia con la voglia di realizzare un prodotto legato alla tradizione, pregiato e di qualità eccelsa. Ecco il primo impatto che si ha facendo l’ingresso in questo salumificio nato nel 1945 per mano di Luigi Spreafico ed ora portato avanti dai figli Dionigi, Agnese e Giulia, che hanno saputo realizzare un prosciutto crudo superbo e di qualità. Il loro segreto? Una lenta stagionatura affacciati sulle colline da un lato e sul lago dall’altro, condito con quel pizzico di nebbia che talvolta appare nella Brianza Lecchese, accompagnata dall’aria mite del lago e talvolta da quella fresca delle montagne.

marco1

Durante l’interessantissima visita a questo salumificio abbiamo potuto assistere al processo di realizzazione del prosciutto crudo. Sotto la guida di Dionigi abbiamo seguito il percorso delle cosce, che arrivano da tre macelli italiani selezionati e vengono poi controllate sia con un esame visivo che fisico (verifica umidità e temperatura della carne). Lo step successivo prevede la rifilatura delle cosce, che vengono girate e rigirate alla ricerca di ogni possibile difetto, infine bollate con marchiatura a fuoco passano alla salatura che, ancor oggi, viene effettuata manualmente con sale marino integrale, dopodiché vengono fatte riposare per un periodo tale da consentire al sale di lavorare al suo interno. Trascorsa la tempistica necessaria, il prodotto viene ricoperto in alcune zone da sugna e farina di riso per renderlo morbido, dopodiché prosegue il suo processo di stagionatura affacciato sulle colline e sul lago circostanti che donano al prosciutto il suo aroma dolce e genuino e la colorazione rosata.

I prodotti Marco D’Oggiono sono realizzati in assenza totale di allergeni quali glutine e lattosio, pertanto adatti anche a soggetti affetti da queste intolleranze alimentari. Oltre al prosciutto crudo vengono infatti realizzati prosciutto cotto, salami di diversa tipologia, bresaola, pancetta, coppa, collinetta, carpaccio e lardo celtico oltre ai salami da cuocere.

Marco D’Oggiono Prosciutti è una realtà molto apprezzata, ha ottenuto riconoscimenti importanti nel corso degli anni: nel 2014 è stato onorato del premio “R-innovatori della Terra” che lo riconosce tra le 10 eccellenze lombarde secondo il giudizio di Expo e della Regione Lombardia. Nel 1999 è stato riconosciuto come “Prodotto Nazionale Lombardo” e come tale è presente in tutti gli atlanti di prodotti tipici e tradizionali della regione. A partire dal 2013 è stata ottenuta la certificazione di operatori biologici della Lombardia grazie alla linea di prosciutti crudi biologici. Nel 2015 ha ottenuto il premio “Le soste eccellenza artigiana” oltre al titolo “Maestro del Gusto”. Questi sono solo una parte dei riconoscimenti ottenuti da questa azienda e sono certa che nel futuro altri ne arriveranno.

Il nostro tour si è concluso infine con una magnifica degustazione curata dalla chef Elda Menna del Ristorante Molera che ha preparato un ottimo pranzo a base di antipasti realizzati con l’ampia gamma di salumi Marco D’Oggiono, seguito da un risotto, polenta e salami cotti, oltre all’immancabile dessert.

Purtroppo in un mondo dove salumi di fattura industriale spesso prendono il sopravvento su altri di qualità nettamente superiore, si perde di vista l’importanza del mangiar bene e della tradizionalità con la quale vengono realizzati i prodotti stessi. Marco D’Oggiono Salumi è l’esempio perfetto di tradizione, affiancata alla cura ed alla qualità dei prodotti realizzati. Se ne avete l’occasione vi invito pertanto ad assaggiare i loro prodotti che potrete acquistare anche nel punto vendita adiacente allo stabilimento stesso.

Potrebbero interessarti anche...

Leave a Reply