FreeGlù: l’intervista all’ideatore e la mystery box del mese di aprile

Lo scorso mese vi ho parlato in un articolo di FreeGlù, ovvero il mystery box italiano del gluten free. Anche questo mese ricevendolo sono stata piacevolmente sorpresa dal suo contenuto, ma prima di mostrarvi cosa ho trovato ho deciso di intervistare Enrico, l’ideatore di questo progetto, per capire di più sui motivi che lo hanno spinto ad intraprendere questo percorso e molto altro ancora.

freeglu2Da dove e da chi nasce l’idea di FreeGlù?

Ciao Monica, mi chiamo Enrico e sono l’ideatore di FreeGlù. Dove nasce l’idea? Sono nato e cresciuto in un piccolo paese sul mare, pieno di turismo dove ogni giorno gente di tutto il mondo arrivava portando con sé un qualche prodotto tipico della sua città, della sua tradizione. Già da piccolo, ogni volta che qualche amico di famiglia o qualche vecchia conoscenza arrivava in vacanza, sapendo quanto adorassi il cibo, mi diceva “Ti ho portato una nuova sorpresa da assaggiare, ti piacerà da impazzire!”.
Ed io ero felice. E così decisi: “Anche io voglio far scoprire nuovi prodotti agli altri. Anche io voglio sorprenderli e renderli felici!”.  Qualche anno e qualche viaggio dopo, ho creato FreeGlù.

enrico

Come mai avete deciso di dedicare la vostra attenzione al mondo del gluten free?

La scelta è stata una naturale conseguenza della nostra vita di tutti i giorni. Se si ama il cibo, nel senso più generico del termine, una delle sofferenze più grandi è dovere mangiare sempre le medesime cose. Per me e i miei amici che seguono una dieta priva di glutine (chi per necessità, chi per stile di vita, chi semplicemente per amore della varietà nell’alimentazione) era davvero frustrante trovare sempre gli stessi prodotti nei supermercati, nella grande distribuzione e nelle farmacie (e, per di più, già comprare le cose da mangiare in farmacia non è il massimo del piacere…).
Abbiamo sentito il bisogno di migliorare la nostra vita cercando di variare la nostra alimentazione gluten free. Da qui siamo partiti con l’obiettivo di migliorare la vita di tutti gli amanti del cibo, senza glutine e non!

Da quanto tempo seguite questo progetto? Le spedizioni della mystery box mensili sono sempre le stesse o sono in costante aumento? Spedite solo in Italia o anche all’estero?

La partenza del progetto risale a circa un anno fa, quando abbiamo deciso di concretizzare FreeGlù. Abbiamo iniziato allora un viaggio in tutta Italia e in Europa alla scoperta delle eccellenze del territorio, aziende piccole e grandi, per scoprire non solo i brand, ma soprattutto la storia e le persone che si nascondo dietro ognuno dei loro prodotti. Nel 2016, dopo aver cercato, viaggiato e soprattutto assaggiato (per la nostra immensa gioia) abbiamo iniziato a spedire i box. E la ricerca continua ancora!
Dopo il primo mystery box FreeGlù le richieste sono aumentate ogni giorno: noi ci mettiamo tutta la passione per il cibo in ognuno dei box e il fatto che ogni persona che lo riceve lo percepisca è una delle soddisfazioni più grandi.
Noi siamo una realtà italiana, amiamo profondamente il nostro paese e in questo momento ci stiamo concentrando sulla spedizione del box solo sul territorio italiano. Intanto stiamo registrando un aumento delle richieste che riceviamo anche dall’estero quindi in futuro non escludiamo di estendere il nostro servizio ad altre nazioni.

In base a quali criteri scegliete determinati prodotti rispetto ad altri? Devono rispettare degli standard? Se si quali?

C’è una parola d’ordine, semplice ma ferrea, che ogni prodotto deve rispettare per entrare a far parte del box: QUALITA’. Per ogni prodotto ne studiamo le caratteristiche, il processo produttivo, la storia del produttore ed il gusto.
Nel comporre ogni box poi inseguiamo sempre la VARIETA’ DI GUSTO, dal dolce al salato, la VARIETA’ DI ORIGINE, dal piccolo artigiano di eccellenza all’azienda affermata, la VARIETA’ DI PROVENIENZA, scegliamo i prodotti migliori sul territorio italiano ma anche in paesi internazionali.

Il vostro interesse nel mondo del senza glutine si limita ai prodotti che scegliete di inserire nella mystery box oppure seguite blog e siti dedicati a questo argomento? Se si solo italiani o anche esteri?

La nostra attività di ricerca ci porta ad esplorare tutte le aree che riguardano il gluten free. Studiamo ogni giorno tantissimi prodotti senza glutine e seguiamo siti e blogger in Italia e in tutto il mondo per essere sempre aggiornati su quelle che sono le ricette e i gusti  delle persone a cui parliamo. Spesso poi, è bello trovare come le persone pubblichino ricette bellissime fatte con qualcuno dei prodotti trovati nei box!

Trovo molto interessante la possibilità di acquistare tramite il vostro sito anche solo un prodotto trovato nella FreeGlù Box. Capita spesso che qualcuno che abbia comprato la scatola a sorpresa torni ad acquistare un singolo prodotto da cui è stato colpito in maniera positiva?

Sì, capita spesso. Il motivo è semplice: noi vogliamo che quando una persona si innamora di un prodotto che trova nel box poi sia in grado di poterlo reperire facilmente. Data la particolarità di alcuni prodotti non è affatto detto che nel negozio o nella farmacia vicino casa di ognuno di noi si riesca a trovare uno dei prodotti che si assaggiano quindi abbiamo voluto dare la possibilità di averlo sempre a portata di click.
Questa opportunità è stata colta da molti amici, infatti alcuni prodotti in questo momento sono già esauriti! Però nessun pericolo: quando questo succede, in un click si può comunicare il proprio interesse al prodotto e noi provvediamo senza impegno ad avvisare la persona appena questo è disponibile mandandole una mail.

Ci sono mai stati momenti in cui avete pensato di abbandonare questo progetto?

Mai. Ora che abbiamo scoperto la bellezza di un’alimentazione varia e gustosa non potremmo mai tornare indietro alle vecchie abitudini. FreeGlù è innanzi tutto un modo di vivere il cibo: ormai non riusciremmo più ad accontentarci delle abitudini alimentari che avevamo in passato!

Al contrario ci sono state invece delle situazioni che vi hanno dato una scossa positiva per proseguire?

La sorpresa e la felicità nelle parole delle persone che aprono il box è la benzina nel nostro serbatoio! Ogni apprezzamento, ogni commento positivo ed ogni suggerimento ci dicono che la strada che stiamo percorrendo è quella giusta: e noi vogliamo migliorarci sempre di più.

Al vostro sito è collegato anche un blog. In quanti siete a gestirlo? Da dove nascono le idee per quello che decidete di pubblicare (ricette, articoli, etc)?

Il blog è una parte di FreeGlù a cui teniamo molto: c’è una squadra affiatata di 3 persone a gestirlo, me incluso, più una bravissima nutrizionista: la dott.ssa Cominato (fondatrice del portale www.benesseresano.it). Noi siamo focalizzati sulla diffusione della cultura del mangiare bene attraverso tutte le aree che la caratterizzano: salute, ricette, prodotti, territorio, nuove scoperte. E’ per questo che in una delle nostre rubriche, chiamata “5 minuti con…”, pubblichiamo le nostra interviste con quelle che riteniamo le blogger più interessanti del settore: desideriamo che i nostri amici le scoprano e, iniziando a seguirle, scoprano anche il loro mondo di consigli e novità.

Qual è il vostro motto o una citazione che vi rappresenta e perché?

“Ogni passo che fai è un passo avanti. Continua a camminare”.  In ogni situazione, dalla scoperta dell’essere intollerante al glutine ad un progetto lavorativo ad una relazione sentimentale, ogni passo che si fa è un progresso verso il miglioramento della propria vita: non bisogna mai scoraggiarsi, bisogna guardare verso la metà, imparare continuamente e andare avanti!

Ringrazio ancora una volta Enrico per la disponibilità prestata nel rispondere alle mie domande e proseguo ora con la FreeGlù box di questo mese.

Come potrete notare dalla fotografia il contenuto è prevalentemente dolce. Troviamo infatti un assortimento di prodotti Happy Farm, che ricordano per altro quelli di un marchio più famoso ma contenente glutine e di cui certamente molti come me sentono la nostalgia, ci sono i dobloni con ripieno alla crema di nocciole, degli snack sempre con crema di nocciole e al latte, gli zaffiri al cocco e i diamanti con le nocciole intere. Troviamo poi uno snack contenente datteri, mandorle, mela, noce pecan, cannella e olio di mandorle prodotto da The Primal Pantry che realizza cibi che sposano lo stile di vita paleo il tutto fatto artigianalmente. Completano poi la mystery box una porzione di gnocchi di patate Il Poeta, un vasetto di miele d’acacia ed uno di crema alle nocciole e cacao prodotti dalla Edlanga che non vedo l’ora di assaggiare!

freeglu1A questo punto non mi resta che augurare a tutti una buona scoperta della vostra FreeGlù box, io sono già curiosissima di ricevere quella del prossimo mese!

Potrebbero interessarti anche...

Leave a Reply