Risotto con scampi e crema di scampi e paprika dolce

Siamo nel pieno della settimana dell’amore per eccellenza, quella che precede il famoso San Valentino, o Valentine’s Day se vogliamo essere internazionali. Certo è che tutto attorno a noi vediamo cuori e frasi d’amore, articoli dedicati alla festa degli innamorati, idee su dove andare a cena, sui regali più originali, su quello che “non deve mancare” in questa giornata. Dai ristoranti alle vetrine dei negozi è un pullulare di cuori e gadget legati ai dolci sentimenti.

In tutta questa smania per festeggiare San Valentino io cosa faccio? Proprio un bel niente, sotto questo aspetto sono l’antiromanticismo per eccellenza. Mai festeggiata, mai uscita a cena e mai fatto o ricevuto regali in particolare perché la trovo una festa un pò costruita. Ci sono coppie che non si calcolano tutto l’anno e poi il 14 febbraio appaiono come l’immagine dell’amore per poi, varcata la soglia del 15, tornare all’indifferenza assoluta.

Abbandonando però il mio polemizzare relativo a questa festa, mi rendo conto però che molti, anzi, moltissimi, la festeggiano e magari vogliono anche sorprendere la nuova fidanzata o il nuovo fidanzato celiaco, ma non hanno gran dimestichezza col problema. Magari non vogliono buttarsi a capofitto nella scelta di un marchio di pasta per poi trovarsi con una consistenza molliccia o una massa informe per aver pescato tra le tante quella di un brand pessimo. Pertanto, cosa fare?

Ecco qui un’idea per un primo che, accompagnata poi con un dolce, potranno essere sufficienti per una serata all’insegna dell’amore. Si tratta di un risotto con scampi e crema di scampi alla paprika, molto delicato e, visti gli ingredienti, anche afrodisiaco, che non guasta mai soprattutto in una serata dedicata all’amore.

Ecco come realizzarlo e come renderlo ancora più buono grazie ad un brodo realizzato proprio con gli scarti dei vostri scampi che, vi consiglio, di comprare freschi dal vostro pescivendolo di fiducia.

Ingredienti (per 2 persone):

200gr. di riso carnaroli
12 scampi
1 scalogno
30ml. di panna di riso *
1/2 cucchiaino di paprika
30ml. di vino bianco
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
Prezzemolo q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.

Gli alimenti contrassegnati con * per essere idonei al consumo da parte di un soggetto celiaco devono riportare sulla confezione o la dicitura “senza glutine”, o il marchio della spiga barrata oppure essere inseriti nel prontuario degli alimenti AIC.

Procedimento:

Come prima cosa pulite i vostri scampi, eliminate le teste e liberate le code dal carapace tenendo quelli che comunemente chiameremmo scarti da parte perché in questo caso ci saranno utilissimi per realizzare un brodo coi fiocchi per il nostro risotto.

A questo punto mettiamo un filo d’olio in una pentola, aggiungete mezzo scalogno (potrete anche lasciarlo intero) e fatelo rosolare, dopodiché aggiungete le teste degli scampi ed i carapaci, lasciate soffriggere qualche minuto e riempite la pentola d’acqua, aggiungete il concentrato di pomodoro ed una presa di sale e lasciate cuocere il tutto coperto per circa 40 minuti.

Nel frattempo prendete quattro code di scampo, mettetele in padella con un filo d’olio e cuocetele per qualche minuto; una volta pronte aggiungete la panna di riso e la paprika e frullate con il mixer ad immersione. Questa crema dovrete tenerla da parte perché vi servirà per mantecare il vostro risotto.

A questo punto in un tegame fate soffriggere l’olio con l’altra metà di scalogno tritata finemente, aggiungete il riso e fatelo tostare, sfumate poi col vino bianco ed una volta evaporato iniziate ad aggiungere il brodo poco alla volta. Dopo circa quindici minuti, ovvero quando il risotto sarà quasi cotto, aggiungete gli scampi che avrete tenuto da parte e portate a cottura. Una volta pronto spegnete il fuoco ed aggiungete una manciata di prezzemolo e la crema precedentemente preparata mescolando il tutto energicamente per mantecare il vostro risotto.

Impiattate a questo punto e gustate il tutto ancora caldo.

Potrebbero interessarti anche...

Leave a Reply