Testaroli senza glutine con salsiccia e carciofi

State cercando la ricetta dei testaroli senza glutine? Allora siete finiti sul sito giusto!

I testaroli sono un piatto tipico della Lunigiana, area collocata tra Liguria e Toscana, e sono considerati un cibo “povero” in quanto realizzati principalmente con acqua, farina e sale e, secondo la tradizione, conditi poi con pesto.

La realizzazione dei testaroli avveniva, secondo tradizione, in particolari contenitori chiamati testi in terracotta o in ghisa, delle teglie composte da una base ed una copertura che venivano riempiti con l’impasto dei testaroli e cotti senza mai essere girati posizionandoli direttamente su stufe a legna o in prossimità di fiamme vive.

Ad oggi i testaroli possono essere realizzati nelle case di tutti impiegando, come nel mio caso, delle padelle per crepes e cuocendole da un solo lato coprendole con un coperchio.

La base dei testaroli, sempre secondo tradizione, viene tagliata grossolanamente a losanghe di circa 5 centimetri per lato e poi fatti sbollentare in acqua bollente prima di condirli.

Nella mia ricetta ho scelto di condire i testaroli non con il pesto, bensì con un goloso sughetto a base di carciofi e salsiccia, da provare!

Ingredienti per i testaroli senza glutine (2 persone)

150gr. di farina di riso *
50gr. di fecola di patate *
350ml. di acqua
200gr. di salsiccia *
200gr. di carciofi
Olio extravergine d’oliva q.b.
Parmigiano reggiano grattugiato q.b. *
Sale q.b.
Pepe q.b.

Gli alimenti contrassegnati con * per essere idonei al consumo da parte di un soggetto celiaco devono riportare sulla confezione o la dicitura “senza glutine”, o il marchio della spiga barrata oppure essere inseriti nel prontuario degli alimenti AIC.

Procedimento

Come prima cosa prepariamo i testaroli. In una terrina versiamo farina, fecola, acqua ed un pizzico di sale ed iniziamo a lavorare l’impasto sino ad ottenere una sorta di pastella.

A questo punto oleate leggermente una padella per crepes, passandola poi con della carta assorbente, fate scaldare e versate un mestolo di pastella cuocendolo coperto per 3 minuti circa oppure scoperto e girandolo a metà cottura.

Ripetete il procedimento sino a quando non sarà terminata la pastella, dopodiché tagliate a losanghe grossolanamente i vostri testaroli.

A questo punto potrete iniziare a preparare il condimento dei vostri testaroli. Potrete optare per il loro condimento classico, ovvero il pesto, oppure provarne uno alternativo, come ad esempio a base di carciofi e salsiccia.

Pulite i carciofi e sbollentateli in acqua bollente per ammorbidirli, dopodiché tagliateli a spicchi.

In una padella versate dell’olio, aggiungete la salsiccia a pezzettini e lasciate cuocere. Quando mancheranno pochi minuti alla cottura incorporate anche i carciofi.

Nel frattempo portate a ebollizione l’acqua salata con un filo d’olio e fate scottare i testaroli per circa 3 minuti, scolateli con una schiumarola ed aggiungeteli al sugo.

Aggiustate di sale e pepe, aggiungete del parmigiano reggiano ed infine servite ancora caldi.

Potrebbero interessarti anche...

Leave a Reply