Cream tart senza glutine

Quest’anno ho deciso di festeggiare il mio compleanno con una cream tart senza glutine (o number tart senza glutine). Un’annata speciale, 30 anni cifra tonda, resi ancor più unici per il fatto che sono in dolce attesa e che tra qualche mese potrò stringer tra le braccia il mio bambino, un maschietto che riempirà le mie giornate di gioia.

Perché ho scelto di preparare una number tart senza glutine? Per prima cosa perché me ne sono innamorata a prima vista quando Luca di Lucake ha pubblicato questa torta preparata per il compleanno del fratello. In secondo luogo perché 30 è un traguardo importante, cifra tonda come si suol dire e cambio di decina.

Insomma, dopo la Saint Honoré senza glutine dello scorso anno, quest’anno ho puntato su una torta altrettanto scenografica e buona.

Ecco qui di seguito la ricetta della mia cream tart senza glutine per circa 12/14 persone.

Ingredienti per la pasta frolla della cream tart senza glutine

600gr. di farina di riso *
100gr. di fecola di patate *
100gr. di amido di tapioca o amido di riso *
3 uova
5 tuorli
280gr. di burro senza lattosio
200gr. di zucchero
1 baccello di vaniglia

Ingredienti per le meringhe

130gr. di albume
130gr. di zucchero semolato
130gr. di zucchero a velo
3/4 gocce di limone
2 gocce di colorante alimentare *

Ingredienti per la crema di farcitura della cream tart senza glutine

750ml. di panna fresca senza lattosio
750gr. di mascarpone senza lattosio
180gr. di zucchero a velo *

Ingredienti per farcire la cream tart senza glutine

Confetti colorati * oppure fiori eduli o frutti di bosco freschi

Gli alimenti contrassegnati con * per essere idonei al consumo da parte di un soggetto celiaco devono riportare sulla confezione o la dicitura “senza glutine”, o il marchio della spiga barrata oppure essere inseriti nel prontuario degli alimenti AIC.

Procedimento per la frolla della cream tart senza glutine

In una planetaria versate le farine, i semini della bacca di vaniglia, lo zucchero, le uova, i tuorli e in ultimo aggiungete il burro a pezzettini. Avviate l’impastatrice e lasciate che si formi un panetto di frolla che lascerete riposare per circa 30 minuti in frigorifero.

Preparate su un foglio di carta il numero o quanto volete ritagliare dalla frolla in modo da impiegarlo come stampo.

Trascorso il tempo necessario dividete il panetto e stendetelo tra due fogli di carta forno per uno spessore di circa 6 millimetri, ritagliando poi le sagome dei numeri prescelti. Trasferitele delicatamente su una teglia da forno e cuocete per 12 minuti a 180°C, dopodiché lasciate raffreddare.

Procedimento per le meringhe

Versate nella planetaria gli albumi a temperatura ambiente e iniziate a montarli per circa 30 secondi. Aggiungete a poco a poco lo zucchero semolato e continuate a montare con l’aggiunta di qualche goccia di limone che aiuterà a stabilizzare il composto.

A questo punto incorporate anche lo zucchero a velo setacciato e le gocce di colorante alimentare (se desiderate che le meringhe risultino colorate).

Una volta montato uniformemente il tutto trasferitelo in una sac à poche, scegliete la bocchetta che preferite e create su una teglia rivestita con carta da forno, le vostre meringhe.

Infornate a 80°C per 2 ore senza mai aprire il forno, dopodiché spegnete e lasciate a raffreddare le meringhe nel forno spento per evitare che lo sbalzo termico provochi crepe sulla superficie.

Procedimento per la crema

Versate nella planetaria la panna fresca, il mascarpone e lo zucchero a velo setacciato e lasciate che le fruste montino il composto, dando vita a una crema densa e spumosa.

Prestate attenzione a non montarla troppo, rischierete altrimenti che la panna “si strappi o impazzisca” divenendo così ingestibile.

Procedimento per la farcitura della number tart senza glutine

Adagiate sul piano prescelto i numeri e, dopo aver trasferito la crema in una sac à poche, ricoprite uniformemente la superficie, adagiando poi sopra il primo strato un secondo numero di frolla.

Ricoprite anche il secondo strato con la crema di farcitura, dopodiché potrete procedere con la decorazione. Io ho optato per due biscotti fatti con la frolla avanzata a forma di farfalla, meringhe lilla e confetti colorati. Avrei apprezzato molto anche una farcitura con fiori eduli e frutti di bosco freschi ma, come ben sapete essendo incinta ed essendo a rischio toxoplasmosi, la pulizia soprattutto di lamponi e more sarebbe risultata molto difficoltosa, ragion per cui ho ripiegato sui confetti colorati. Un’altra possibilità potrebbero essere i macarons, pezzettini di cioccolato o decorazioni in pasta di zucchero.

Potrebbero interessarti anche...

Leave a Reply